Cerca nel blog


«Tutte le generazioni mi chiameranno beata» (Lc 1, 48). «La pietà della Chiesa verso la Santa Vergine è elemento intrinseco del culto cristiano”. La Santa Vergine «viene dalla Chiesa giustamente onorata con un culto speciale. In verità dai tempi più antichi la beata Vergine è venerata col titolo di “Madre di Dio”, sotto il cui presidio i fedeli, pregandola, si rifugiano in tutti i loro pericoli e le loro necessità...(Clicca sull'immagine per andare al sito)

sabato 3 marzo 2012

Dogmi mutabili¹.








Padre Guido Matiussi




Ma non è quella vanità senza danno. Perchè insiemecon quel reo soggettivismo kantiano in che si fonda, porta altrettanto di scetticismo. E quel che è peggio, estendendo il falso concetto e il modo errato di verità relativa, e però mutabile secondo le condizioni dell'uomo, a tutto ciò che per qualunque via giungiamo a sapere, vengonsi a ledere anche le verità rivelate. Se non osa toccarle precisamente in quanto sono in Dio o a noi vengon da Dio, almeno le guasta in quanto sono ricevute dalla Chiesa, ed espresse nell' insegnamento cristiano, e formulate nelle definizioni dogmatiche. Gli autori di quel nuovo modo di parlare l'appoggiano ancora al fatto, che la nostra mente non può adeguarsi ai divini misteri ; osservano che storicamente la religione s'adattò ai concetti ed alle voci che trovò nelle umane scuole ; ne deducono che le asserzioni proposte alla nostra fede son quali sono, pel fatto contingente dell' influenza greca prevalente fra noi; altre sarebbero, se da principio fosse prevaluta la filosofia kantiana o quella di Spencer o di Cartesio; e così possiamo aspettare che mutandosi lo stato degli animi con la moderna coltura anche le espressioni usate negli antichi Concili, e il senso ad esse attribuito, alle nuove età e alle nostre menti s'adatteranno.



L'Essere superiore unito all'Umanità di Cristo non sarebbe mai stato detto Verbo del Padre, così dicono, se la filosofia platonica fiorente ad Alessandria non avesse suggerito quella voce e quel pensiero. Non si sarebbe distinta l’Essenza dal concetto di Persona in Dio, se i greci non avessero parlato di supposti e di ragioni generiche e specifiche. Così la transustanziazione si fonda sull'opinione della sostanza distinta dagli accidenti. E la grazia fu concepita a modo di qualità, a cagione dei predicamenti aristotelici. E l'anima fu detta forma del corpo, esprimendo nel miglior modo che potevasi nel medioevo l'unione che fa l’uomo. Ma tutte coteste determinazioni passano e cambiano come la dottrina che domina nelle scuole. Chi dei moderni capisce più quelle viete nozioni?  Verrà giorno che un Concilio adatti la religione ai nuovi tempi, esponendola secondo le idee ora accettate, come il Concilio di Trento per l'ultima volta la espose secondo le idee scolastiche. Così molti dicono, e più spudoratamente degli altri il Loisy.
Or tutto questo è intollerabile. Perchè noi siamo obbligati a credere per fede divina, cui subesse non potest falsum (come disse il Tridentino), le verità rivelate da Dio, proposte dalla Chiesa, come son contenute nelle distinte asserzioni del comune magistero o della suprema autorità. Chi non afferma le proposizioni onde constano i canoni dei Concilii, non accettando le parole ivi scritte, o alterandone il significato, cade sotto l'anatema, Chi mai osa dire : Secondo il presente grado di coltura, ci conviene affermare l'Essenza unica in Dio, nella quale sussistono tre Persone; forse avverrà peraltro che la progredita filosofia muti il proprio senso di quei termini e mostri inesatta l'espressione finora usata? Se fosse lecito dir così,la presente asserzione sarebbe falsa, e la verità dovrebbe aspettarsi, ma sempre invano, per tempo futuro. E cotesta assurda maniera d'interpretare ossia di falsificare i dogmi della Chiesa, fu appunto escogitata da alcuni dottori di Germania nel secolo XIX, dal Guenther e dal Froschammer particolarmente, i quali Pio IX più volte condannò; e più solennemente fu il loro errore proscritto dal Concilio Vaticano nel’ultimo canone della prima Costituzione: Si quis dixerit fieri posse ut dogmatibus ab Ecclesia propositis aliquando secundum progressum scientiae sensus tribuendus sit alius ab eo quem intellexit et intelligit Ecclesia, a. s.
Alcuni credono d'avere in mano un esempio evidente di verità dogmatica, ove è necessario mutar le idee, o almen le espressioni, nella discesa di Cristo all'inferno e nell'ascensione al cielo: dicono che le nuove conoscenze astronomiche distruggono affatto le antiche immagini. — Rispondiamo che, quanto al porre sotterra l'abitazione dei dannati e delle anime sospese, non v' è ritrovato scientifico alcuno, con cui si possa combattere la vetusta opinione. Non si è giunti ancora a cinque chilometri di profondità, e per andare al centro ne restano più di seimila e trecento. Poi, chi ci andasse vedrebbe forse o udirebbe anime e diavoli ? Se il descendit in inferiores partes terrae di S. Paolo persuase i Padri, può ugualmente persuadere anche noi. Quanto ai cieli, la rappresentazione che gli antichi poteron farsi di cieli sferici non fu mai oggetto di fede, e bene erano conscii gli Scolastici che trattavasi d'umana opinione. Prescindendo da ogni determinata immagine del cielo, si dice e sempre si dirà fra noi come fra gli antipodi, che localmente sale chi dalla terra si parte in senso opposto alla gravità ; metaforicamente sale chi va a posto più nobile. Ora il Signor Nostro fu veduto staccarsi dal suolo e salire verso il firmamento; è ito a luogo più nobile e glorioso che la terra non sia: dunque è salito. Se qualche vecchio pensò per questo al primo mobile o all'ultima sfera, peggio per lui ; mai nelle definizioni dogmatiche, mai nella profession comune di fede, di sfere e di empirò non si parlò. Dunque che volete mutare? Nulla. O pensate voi di poter fare un atto di fede secondo la cosmografia moderna ? State certi che la Chiesa non la definirà ne più né meno dell'antica.
Riguardo ai divini misteri, si avverta che i concetti o i nomi non ci son rivelati né infusi, a guisa di nuove specie. Dobbiamo prenderli dall' umano linguaggio, umanamente determinarne la significazione. Per fede li connettiamo in giudizi, che altrimenti non formeremmo. Non ci fu detto soprannaturalmente che cosa importi sostanza o persona, che cosa sieno uno e tre: bensì Dio ci ha detto che in Lui, uno nella sostanza, dobbiamo affermar tre persone. Quelle stesse nozioni erano naturali nei nostri intelletti, sono coltivate e chiarite per uno studio sincero di filosofia, e le migliori scuole dì Grecia fornirono certo una dottrina razionale, di cui potè valersi la Chiesa per esprimere esattamente la verità consegnata alla sua custodia. Per esprimere, si badi bene, la assoluta verità, non per parlare secondo la relativa coltura. Finché le espressioni non furono abbastanza chiare ed esatte, la Chiesa non definì, non formulò il dogma che dove a restare pei secoli : così ella fu prudente, così lo Spirito la diresse. Ma quando fu necessario dar  l’esatta definizione contro gli eretici debaccanti, dispose Iddìo che i concetti e le voci fossero preparate convenientemente, sì che le asserzioni riuscissero in tutto vere — conformi alla realtà, vuol dire — e per sempre immutabili. I nuovi studi potranno aggiungere altre notizie ; correggere o toccar quelle che furono definite non potranno mai (1).
E che l’antica filosofia d' Alessandria o d' Atene abbia potuto fornire elementi atti ad essere incorporati nel linguaggio teologico cattolico, come da una miniera si traggono oro e gemme pel tabernacolo, è segno di grande onore per quella filosofia, e ben dimostra che, quantunque in molte parti incerta ed errante, in gran parte tuttavia s'era apposta al vero, col lume della buona natura; era una parte di quella philosophia perennis, che a gran torto altri dicono caduca; era una testimonianza alla bontà della natura che da Dio abbiam ricevuta, e che, con verissimo sacrilegio, l’umana superbia, mentre aspira a gonfiarsi e ad elevarsi, avvilisce e distrugge. Se al contrario le moderne filosofie non hanno niente da dare al pensiero cristiano, se trovano invece di essere a quello contrarie, e tendono a mutare quello che fu stabilito, è segno ch'esse son false, e non sono già illustrazione e svolgimento, ma pervertimento e rovina, della retta ragione e del lume naturale. Noi vorremmo invitare qualsiasi ammiratore o seguace del kantismo o dell' immanentismo a suggerire le formole che ormai dovrebbero parer migliori, per esporre le verità dogmatiche : non riuscirebbe.
Certamente chi si provò ad esprimere i misteri della Trinità e dell'Incarnazione, mutando il concetto antico di persona in quello che ora corre per le scuole e pei libri, cambiò quei dogmi in assurde bestemmie. Era chiaro e profondo l'antico concetto di persona, meglio che da qualsiasi altro svolto dall' Angelico Dottore, ponendone la parte comune con qualunque supposto nella sussistenza distinta, e la propria determinazione nell' essere intellettivo. Quest'ultima nota vale a discernere la persona, che è di propria ragione a modo di fine, dalle cose semplicemente volte a bene altrui, come son tutte le nature inferiori. Ma quello che importa al mistero, sta nella prima parte della sussistenza: qui spetta la verità rivelata che la divina Essenza sussiste in tre distinte Persone; o l’altra, che in Gesù Cristo è unica la Persona divina, alla quale è assunta l' Umanità concepita nel seno di Maria Vergine. Triplice adunque è in Dio, per opposizione relativa, non per divisione di entità assolute, la personalità distinta; unica è la sussistenza in Gesù.
Or che diranno i moderni ? Per adattarsi alle moderne scuole, dovranno porre la persona costituita dalla coscienza. Coscienza che è? È atto conoscitivo di sé. Saranno in Dio tre coscienze come tre persone? Dunque Egli con tre atti conosce Se stesso, e il triteismo, o un bruttissimo politeismo, è manifesto. Gesù conoscerà sé stesso con un atto solo ? Eccoci in piena eresia monofìsita, e sarà tolta la distinzione perfetta delle due nature, con le loro proprietà ed operazioni. Per sottrarsi a tali bestemmie ed assurdità, diranno invece che unica é la conoscenza nella Divinità, duplice in Gesù Cristo; ma che Dio ha coscienza di esser tre, Gesù di esser uno, e in tal modo ridurranno alla coscienza la nozion di persona? Or non s'accorgono che il saper di essere suppone già l'essere costituito; che per conseguenza è ridicolo voler dichiarare l'unicità della reale persona, con la coscienza d'esser uno e non più? Conviene che antecedentemente sia vera questa unicità, o sia già costituita la persona che sa di esser una. Sono dunque questi nuovi maestri, formati ai nebulosi concetti delle moderne scuole, o empi contro la fede, o assurdi contro la ragione, e di fatto corrompono l'una e l'altra.
Potremmo recare altri esempi, forse tanti quanti sono i dogmi della Chiesa cattolica, o quanti sono i canoni del Tridentino, a cui attribuiscono la sventura di aver espresso a dottrina della fede col linguaggio dell'antica Scuola. Che diranno i moderni della grazia, o santificante o movente ? Che diranno per adattare alle nuove dottrine l'Eucaristia? Basterà evidentemente per la soggettiva immanenza, che vi sia unione di pensiero e di spirito, di simboli e di figure. Hanno detto infatti: state dinanzi all'Ostia consecrata, come se Gesù realmente vi fosse. Ma questo non è dichiarare novamente i dogmi; è negarli con verissima e già dannata eresia. E senza arrivare a tali eccessi, malamente è imbevuta di scetticismo quell'ipotesi corrente che, studiando e imparando, l'abbia da mutare la dottrina prima acquistata. Questo avviene tra quelli de sono semper discentes et nunquam ad scientiant veritatis pervenientes (II Tim. III, 7) ; non avviene nella Scuola della sana teologia, né tanto meno nella Chiesa di Dio vivo, la quale è colonna e fermezza della verità (l Tim. III, 15).

(1) "Il Veleno Kantiano", RomaTipografia Pontificia nell'Istituto Pio XI, II ed., 1914,pp 320-327;
(2) Dunque non aveva torto, anzi verissimamente scriveva il Bossuet, opponendo alle indefinite variazioni dell'idra eretica, l' eternamente immutabile verità delle definizioni dogmatiche nella Chiesa cattolica. E se il Newman a questo avesse contraddetto, si sarebbe ingannato. Ma davvero non vi contraddisse, osservando che la verità del cattolicismo è inesauribile per le nostre menti: osservazione del resto notissima e antichissima. Male s'immaginò di vederci contrarietà chi scrisse l'articolo Il dogma nella storia in Rivista delle scienze teologiche, nov. 1905.

RICEVI GLI AGGIORNAMENTI DI PASCENDI DOMINICI GREGIS VIA E-EMAIL

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:

Delivered by FeedBurner

Una volta che ti iscrivi riceverai una mail con un link per confermare.

Post più popolari

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...